Relatori Italian Babywearing Conference 2019

Marco Piras – Ortopedico: ha conseguito nel 2006 la Laurea in Medicina e Chirurgia presso l’ Università degli Studi di Milano e nel 2012, presso il medesimo ateneo, la Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia. Attualmente il Dr. Piras riceve su appuntamento presso l’ Ospedale San carlo Borromeo di Milano.

Giovanni Esposito, Psicologo dello Sviluppo e dell’Educazione: docente e ricercatore presso Università di Trento (Italia) e Nanyang Technological University (Singapore).

Psicologo clinico evolutivo qualificato per avanzare le indagini in corso sulla psicopatologia infantile.

Ha lavorato negli ultimi anni applicando protocolli fisiologici, genetici, neuroimaging e comportamentali nel contesto dello sviluppo socio-cognitivo infantile, confrontando sempre lo sviluppo tipico e atipico. Allo stesso tempo, ha acquisito competenze cliniche competenti nella valutazione precoce, individuazione e trattamento di neonati con bisogni speciali. Ha lavorato sia a livello clinico che di ricerca sul riconoscimento dei primi indicatori di autismo, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo sociale e le espressioni di sofferenza evidenziate nei neonati e nei bambini affetti da Disturbo dello spettro autistico (ASD). Dal 2010, sta lavorando sull’analisi neuro comportamentale comparativa dell’interazione madre-bambino tra le specie di mammiferi nei topi e negli esseri umani, e la sua implicazione nella psicopatologia. Il suo lavoro ha prodotto pubblicazioni, collaborazioni ed è stato più volte riconosciuto da un certo numero di agenzie provenienti da Europa, Giappone, Stati Uniti e Emirati Arabi Uniti.

Licia Negri, vive a Milano. Laureata in economia, dopo 15 anni di esperienze manageriali in Italia e all’estero nel campo della televisione, della moda e del non profit, decide di concentrarsi sulla start-up più importante della sua vita: suo figlio Luca. Nel 2007 fonda Mhug, piccola realtà innovativa e tutta italiana che produce supporti portabebè. Dal 2012 è delegato UNI, in qualità di esperto italiano, in uno dei gruppi dell’Organo Tecnico dedicato alla sicurezza nella puericultura, per il quale partecipa ai tavoli di lavoro Europei del CEN (Comitato Europeo di Normazione) dedicato alla sicurezza dei prodotti della prima fascia puericultura.

E’ autrice del Libro dal titolo “Lasciati abbracciare” edito dalla casa editrice Trevisini all’interno del quale illustra come un corretto e sicuro Babywearing sia un’esperienza determinate per il benessere psicologico e fisico della mamma e del bambino, oltre che fondamentale nel suo processo di crescita.

Tina Hoffmann, madre, educatrice di babywearing e direttrice generale di Didymos : i bambini e i bambini di tutto il mondo si   sentono al sicuro nelle fasce avvolgenti prodotte dalla nostra azienda a conduzione familiare a Ludwigsburg. L’attività di famiglia è ora gestita da Tina Hoffmann. In tenera età, lei e i suoi fratelli sono stati uno dei fattori principali che hanno dato vita a DIDYMOS.

Nei panni di una donna moderna con bambini nei primi anni ’70, la madre Erika Hoffmann era alla ricerca di un modo pratico e semplice per tenere i suoi gemelli appena nati e due bambini più grandi, Anna e Tom, vicino a lei mentre svolgeva i suoi compiti quotidiani. . È stata ispirata dal libro illustrato “I bambini e le loro madri”, che conteneva immagini di madri provenienti da tutto il mondo, molti dei quali usavano panni per portare i loro bambini sui loro corpi. Questo le ricordava un tessuto da trasporto messicano che un amico ben viaggiato le aveva riportato per lei.

Senza alcuna istruzione, iniziò a provare diversi modi di trasportare i suoi figli usando la stoffa. Presto, la giovane famiglia non sarebbe stata in grado di immaginare la vita di tutti i giorni senza che i bambini fossero trasportati con le cinghie. In definitiva, Erika Hoffmann ha trasformato la sua passione personale in professione e vocazione creando DIDYMOS nel 1972. Di conseguenza, ha reintrodotto la babywearing, una pratica che inizialmente ha adottato per ragioni sia emotive che pratiche, nel mondo di lingua tedesca.

Henrik Norholt: Il dott. Henrik Norholt è membro dell’Associazione mondiale di salute mentale infantile. Ha conseguito un dottorato di ricerca dalla facoltà di LIFE dell’università di Copenaghen ed è residente a Copenaghen, in Danimarca. Dal 2001 studia gli effetti del trasporto del bambino in relazione allo sviluppo psicologico e motorio del bambino attraverso studi naturalistici.